Autofiorenti

I semi di cannabis autofiorente forniscono un raccolto facile di cannabis di alta qualità, che può fiorire senza dover cambiare i cicli di illuminazione o rimuovere i maschi. Per queste ragioni sono noti anche come Semi automatici, dal momento che molto del lavoro per ottenere un raccolto di fiori f...
Vedi tutti i prodotti


Your order will be shipped discreetly
Orders are shipped the next working day
All our products are checked for quality
  • Descrizione


    I semi di cannabis autofiorente forniscono un raccolto facile di cannabis di alta qualità, che può fiorire senza dover cambiare i cicli di illuminazione o rimuovere i maschi. Per queste ragioni sono noti anche come Semi automatici, dal momento che molto del lavoro per ottenere un raccolto di fiori femmina non fecondati è già stato fatto prima ancora che germinassero. La semplicità della coltivazione autofiorente la rende un'opzione davvero attraente per molti novelli coltivatori. Inoltre, queste varietà autofiorenti sono un'ottima scelta per giardinieri che si trovano in zone climatiche meno calde e che desiderano coltivare all'aperto, su un balcone o sul davanzale di una finestra, ma che son limitati dalla scarsa durata delle estati.

    I vantaggi dei semi di cannabis automatici
    Se coltivati all'aperto, i semi automatici possono dare due o più raccolti nel corso di un'estate normale. Se coltivati sotto luce artificiale, sono in grado di crescere da plantula a pianta adulta in appena dieci settimane. Inoltre, la maggior parte dei semi automatici sono molto resistenti a infezioni fungine, muffe, parassiti e persino al gelo, grazie al lignaggio genetico estremamente robusto del Nord dell'area eurasiatica, il Ruderalis, che ha sviluppato la capacità di fiorire per sopravvivere. I semi che fioriscono automaticamente possono essere coltivati in interni, all'aperto o in serra. Inoltre, tutti i semi in questa categoria sono femminilizzati e hanno un'ampia gamma di provenienza genetica, offrendo tipi di sapore, aroma ed effetto diversi.

    Fattori di rendimento per varietà di semi autofiorenti
    In termini di produzione, questi semi sono in grado di produrre un rendimento soddisfacente anche con fonti di illuminazione meno intense. Tuttavia, anche qui vale la regola generale è che maggiore è l'intensità della luce, migliori sono i risultati. Va anche ricordato che la produzione di queste varietà dipende dalla dimensione finale della pianta - una pianta di cannabis coltivata sul davanzale e virtualmente nana non produrrà mai tanto quanto una pianta posta in un vaso ampio e sotto un'illuminazione intensa. In generale, comunque, la quantità di gemme raccolte dai semi in questa sezione è favorevolmente comparabile a quella di semi normali o femminilizzati della stessa varietà.

    Livelli di THC più alti
    Questo è il primo gruppo di varietà che produce una gemma superiore, con livelli di cannabinoidi elevati, senza bisogno di luce intensa durante periodi di tempo prolungati e prefissati. Sia che si utilizzi la luce artificiale che la luce solare, occorre sempre controllare con cura e attenzione il tempo di esposizione delle piante alla luce, assicurandosi che le ora di buio lo siano davvero. Si è visto che l'inquinamento luminoso, anche da fonti minori, confonde l'orologio interno delle piante, e queste non sanno più se devono vegetare o fiorire.

    I semi autofiorenti, d'altra parte, sono in grado di completare il loro ciclo vitale a prescindere dalla lunghezza delle giornate, sebbene un minimo di diciotto ore di luce darà i risultati migliori. A differenza dei semi normali, i semi automatici producono piante che non hanno bisogno del solito ciclo di 12 ore di luce alternate a 12 ore di buio per fiorire bene, sia che si tratti di indica, di sativa o di ibrida. Sembrano virtualmente immuni dall'inquinamento luminoso, infatti tollerano periodi di luce e buio irregolari e imprevedibili senza problemi. I giardinieri all'aria aperta che dispongono di estati brevi possono attendere le settimane più calde per coltivare le loro piante di cannabis con i semi automatici, sapendo che gran arte di quelle ore favorirà il periodo della produzione di fiori e non quello di vegetazione.

    Come fa la cannabis a fiorire automaticamente?
    Questa caratteristica essenziale si è evoluta come necessità di sopravvivenza nelle zone aride e inospitali della Russia centrale, dove ha avuto origine la Cannabis Ruderalis, la varietà autofiorente originale che ha questa abilità quasi magica. In mancanza delle estati più lunghe e più calde del continente indiano delle zone tropicali ed equatoriali dove (rispettivamente) l'Indica e la Sativa si sono evolute, la loro parente non ha avuto il lusso di poter aspettare il cambiamento di cicli di luce che segnala l'inizio dell'estate per iniziare la fioritura - il tempo infatti poteva essere abbastanza freddo da uccidere le piante prima che potessero avere luogo l'impollinazione e l'inseminazione. Invece, doveva iniziare a fiorire appena era abbastanza matura, per avere il tempo di completare il ciclo riproduttivo e produrre nuovi semi. I coltivatori hanno visto subito questo vantaggio per altre varietà, e hanno iniziato a coltivare semi con questa abilità di 'autofiorire'.

    Ideale per principianti

    Ai principianti assoluti nell'arte del giardinaggio che desiderano cominciare con la cannabis al primo tentativo, si consiglia di considerare i benefici dei semi autofiorenti. I filtri possono essere usati per vederli facilmente secondo il rendimento, il tempo di fioritura, l'altezza ottenuta, il prezzo, la dominanza indica o sativa e così via. Alcuni dei nomi più celebri, come White Widow, Master Kush e vari tipi di Skunk e Haze sono reperibili qui. I semi sono disponibili in confezioni da 5 e da 10 semi, e alcune varietà sono acquistabili anche in pacchetti da 3 e da 25 semi.